Ven18042014

Last update12:06:38 PM

Back Sei qui: Home In Città ITALIA. Condominio: in caso di urgenza si possono installare le telecamere anche senza l'approvazione preventiva dell'assemblea

ITALIA. Condominio: in caso di urgenza si possono installare le telecamere anche senza l'approvazione preventiva dell'assemblea

videocamera di sorveglianza

Italia - Secondo la Corte di Cassazione, in caso di necessità in un condominio si possono installare telecamere di sicurezza, in un'area comune oggetto di furti, anche senza il preventivo assenso dell'assemblea. La sentenza (la numero 71 del 3 gennaio 2013) che stabilisce tutto ciò arriva a conclusione del caso di un condomino che aveva fatto installare nel parcheggio del proprio condominio - dove spesso si erano verificati dei furti - una telecamera di sicurezza e quindi aveva chiesto il rimborso al condominio. L'articolo continua qui sotto.

La spesa è stata considerata, sia dal giudice di pace intervenuto inizialmente e quindi dalla Cassazione, urgente e rimborsabile, e non lesiva della privacy dei condomini: «non sussistono gli estremi atti ad integrare il delitto di interferenze illecite nella vita privata (art. 615-bis cod. pen.) nel caso in cui un soggetto effettui riprese dell'area condominiale destinata a parcheggio e del relativo ingresso, trattandosi di luoghi destinati all'uso di un numero indeterminato di persone e, pertanto, esclusi dalla tutela di cui all'art. 615-bis cod. pen.».

La Cassazione ha anche confermato quanto stabilito dal Giudice di pace, ovvero che al condomino spetta il rimborso delle spese sostenute: "Il ricorrente, con il primo motivo, pur facendo genericamente riferimento ad un principio del nostro ordinamento in tema di spese condominiali, ha, in concreto, lamentato a tale riguardo la sola violazione della norma di cui all'art. 1134 cod. civ., dolendosi della non ricorrenza dei presupposti per l'anticipazione e la rimborsabilità di spese condominiali, senza peraltro neppure dedurre come la regola equitativa individuata dal giudice di pace si ponga in contrasto con il predetto principio; né peraltro allega che il supposto principio desunto dall'art. 1134 cod. civ. sia anche un principio informatore della materia né tanto è allegato in relazione al pur invocato principio di tutela di riservatezza e della privacy".

Fonte: ZeusNews

Puoi commentare l'articolo semplicemente registrandoti come utente inserendo la tua vera email nell'area in alto a destra. Ti verrà chiesta solo una volta la conferma dell'email e subito potrai commentale liberamente. I commenti saranno pubblicati in tempo reale e non moderati garantendo la libertà di espressione e di pensiero. Questa libertà non autorizza alla libera offesa che sarà perseguita utilizzando i log archiviati dalla redazione.